Associazione Nazionale Orizzonte Docenti

NUOVA SEDE: Via Pisa 16 CATANIA Tel. 095/2275919 Cell. 329/9171025 Fax 095/5183029

  • Il nuovo sito di Orizzonte Docenti

  • NEWS

  • Immetti la tua mail e sarai aggiornato sulle novità più importanti

  • Meta

  • Seguici su Facebbok

  • Articoli che mi sono piaciuti

Docenti inidonei, le novità nella manovra finanziaria commentate da Maria Teresa De Nardis

Pubblicato da orizzontedocenti su 6 luglio 2011

Mer, 06/07/2011 – 11:52

da orizzontescuola - Abbiamo chiesto a Maria Teresa De Nardis, membro e per molti anni referente del Coordinamento Nazionale Bibliotecari Scolastici (che raggruppa per la maggior parte docenti utilizzati in altri compiti), un intervento sulle novità in materia di docenti inidonei introdotte dalla manovra approvata dal Consiglio dei Ministri a fine giugno e che tante polemiche hanno suscitato.

D. Intanto. Di che cosa si occupano i docenti inidonei utilizzati nelle scuole?
 
R. Indicativamente di tutti i compiti relativi ad attività di supporto all’insegnamento, per esempio:

  • servizio di biblioteca e documentazione;
  • organizzazione di laboratori;
  • supporti didattici ed educativi;
  • supporto nell’utilizzo degli audiovisivi e delle nuove tecnologie informatiche;
  • attività relative al funzionamento degli organi collegiali e ogni altra attività deliberata nell’ambito del progetto d’istituto.

D. Una risorsa o un fastidio?

R. I docenti inidonei all’insegnamento costituiscono una risorsa per la scuola perché svolgono compiti che altrimenti non potrebbero essere svolti da altri, visto anche l’aggravio di lavoro dei docenti curriculari e la scomparsa delle ore “a disposizione”.
 
D. In questi giorni, i docenti inidonei sono saliti alla ribalta delle coronache a seguito di alcune novità inserite nel decreto della manovra. Potresti chiarirci quali sono tali novità rispetto alla normativa vigente?

R. A) La Finanziaria 2008 e l’ultimo contratto collettivo che regola l’utilizzazione dei docenti inidonei prevedevano l’istituzione di un ruolo ad esaurimento finalizzato alla mobilità, che è stato bypassato. B) La mobilità – all’interno del comparto Scuola oppure verso altri Enti – era prevista in maniera volontaria; se il docente inidoneo non avesse accettato la mobilità, avrebbe potuto optare per il pensionamento con gli anni maturati. Anche la possibilità di pensionarsi è stata cancellata. (In altri settori è previsto il pensionamento anticipato per il personale in esubero).

D. Come commenti la perdita dello status di docente prevista dal decreto, pur mantenendone il livello stipendiale?

R. Innanzitutto non è vero che si mantiene il livello stipendiale: ciò avviene solo al momento del passaggio, ma la quota di stipendio eccedente rispetto al ruolo di arrivo verrà riassorbita progressivamente.

D. Questo è un punto sul quale alcuni sindacati hanno voluto rassicurare i docenti inidonei. Potresti essere più specifica?

R. Questo significa che gli inidonei divenuti ATA non avranno più aumenti stipendiali, finchè lo stipendio degli ATA non avrà raggiunto quello degli inidonei.

D. Concordi con quanto sostenuto dal segretario della FLCGIL Pantaleo secondo il quale ci troviamo di fronte ad “una norma palesemente penalizzante per i professori, che si troverebbero a ricoprire ruoli da personale Ata”?

R. La norma non è penalizzante solo per la “dignità” dell’insegnante: negli ultimi 10-15 anni i docenti utilizzati in altri compiti – soprattutto nelle biblioteche – hanno partecipato a corsi di formazione e aggiornamento, master, progetti finalizzati al miglioramento dell’offerta scolastica e sono in gran parte  portatori di specifiche competenze che verranno dequalificate e perse per il patrimonio culturale della Scuola pubblica.
Inoltre molte biblioteche scolastiche, che sono curate dalla maggior parte dei docenti inidonei, chiuderanno provocando la cancellazione di un servizio e di conseguenza un grave impoverimento culturale. Solo in Italia non viene riconosciuto il ruolo importantissimo delle Biblioteche scolastiche, che invece è valorizzato in altri paesi europei, dove il bibliotecario è considerato un valore aggiunto

D. Altra critica mossa al decreto è la mobilità regionale e interregionale dei docenti inidonei. Scrima, segretario CISL scuola, ha attaccato duramente il Governo su questo punto, tacciando di unilateralità il decreto. Si tratta di uma materia, ha sostenuto il segretario, sulla quale “devono valere le prerogative della contrattazione”.

R. Questa è un’altra aberrazione: non si tiene in alcun conto che si tratta di personale con problemi di salute, che difficilmente può affrontare un trasferimento o lunghi tragitti.
Come Conbs abbiamo lottato insieme ai sindacati, anche con manifestazioni pubbliche, per 6 anni, dal settembre 2002 quando si conobbe la prima bozza di Finanziaria che penalizzava i docenti inidonei, perché la materia venisse regolamentata da un contratto condiviso. Ci sono state una sentenza del Consiglio di Stato e due della Corte Costituzionale: pare che tutto questo sia accaduto invano e siamo tornati, dopo 9 anni, al punto di partenza.

Si ricordi che i docenti inidonei sono stati dichiarati tali da una commissione medica su validi motivi di salute e sottoposti più volte a visite di controllo. Inoltre avrebbero potuto andare in pensione mentre hanno scelto di restare nella scuola perché si ritengono ancora utili. In più molti docenti inidonei sono tali per malattie contratte per causa di servizio. C’è anche da valutare che il disagio psico-fisico (burnout) è un grave pericolo che si aggira fra gli insegnanti e la loro salute dovrebbe essere tutelata, non minacciata.

D. Abbiamo appreso che gli ATA precari non sono affatto contenti…
 
R. Infatti, il governo vuole scatenare una “guerra fra poveri”:  5-6000 docenti inidonei trasferiti nel ruolo ATA  creerebbero altrettanti disoccupati fra gli ATA precari. Senza contare che si ritroverebbero negli uffici e nei laboratori persone esperte in altri campi, ma che non sanno nulla del nuovo lavoro. La loro formazione comporterebbe un ulteriore aggravio alla spesa pubblica.
 
D. Esistono altri inidonei negli apparati dello Stato?
 
R. Si, ci risultano sicuramente nelle Forze armate e nella Sanità, forse anche in altri comparti. Questa norma è  un precedente molto pericoloso per tutti i lavoratori (il medico potrebbe divenire infermiere….). Sarebbe anche da valutare se è costituzionale o meno….

D. Avete intenzione di rivolgervi alla politica per modificare la nuova normativa? State contemplando un intervento legale?

R. Sicuramente. Il Conbs sta valutando tutte le azioni utili a tale scopo. Nel 2003 facemmo ricorso al Giudice del lavoro e poi il ricorso arrivò alla Corte Costituzionale: non è escluso che la cosa si ripeta.

Ti ringraziamo per aver fatto chiarezza su un argomento così importante e delicato.

Grazie a voi. Approfitto per ricordare il link del Coordinamento Nazionale Bibliotecari Scolastici: http://conbs.altervista.org/

About these ads

5 Risposte a “Docenti inidonei, le novità nella manovra finanziaria commentate da Maria Teresa De Nardis”

  1. Gianfranco Cassia ha detto

    Sono un insegnante inidoneo utilizzato in altre mansioni, ma per il fatto che prendo delle goccioline non mi ritengo indifendibile come qualcuno dice. C’è inidoneo ed inidoneo, io cerco sempre di rendermi utile secondo le mie competenze, non passo tutto il tempo al bar leggendo il giornale e utiliizzo il computer secondo certe modalità d’uso. Sono momentaneamente utilizzato nel laboratorio d’informatica e mi rendo assai utile per ogni cosa, ho frequentato un breve corso ECDL del computer per imparare a conoscerlo meglio e non sto certo indifferente verso chi mi chiede informazioni. Non generalizziamo, ci sono inidonei veramente inidonei che non sanno fare niente, io ho 2 lauree: una in pedagogia e una in scienze religiose e se c’è da lavorare non mi tiro certo indietro.

    Mi piace

  2. Giuseppe ha detto

    non vorrei sembrare scortese e maleducato, io sono un assistente amministrativo da 8 anni, in questi 8 anni ho raggiunto delle competenze, sono 8 anni che aspetto il ruolo, e adesso mi ritrovo praticamente supplente temporaneo (non si sa fino a quando)perche questi cervelloni di “docenti inidonei” hanno preso un posto che spetterebbe a me e a tante altre persone che come me da tanti anni fanno sacrifici.Adesso sono supplente in una scuola dove c’è in servizio un docente inidoneo. bene, questa persona, non sa timbrare il cartellino (glielo timbra la bidella), non sa usare il PC, passa le sue ore di lavoro andando avanti e indietro dal bar, leggendo il giornale o facendo un cruciverba perchè non sa fare niente.tutto questo davanti ai miei occhi mentre io devo fare il mio lavoro e lei guadagna anche più di me. tutto questo sinceramente è per me mortificante e denigratorio, una VERGOGNA!siete indifendibili

    Mi piace

  3. francesco ha detto

    La sig.ra De Nardis certamente fornisce risposte corrette,corrette nel senso che effettivamente colgono il nocciolo della questione e rappresentano in buona sintesi il pensiero della maggior parte degli insegnanti “inidonei” ,termine che metto tra virgolette in quanto termine utilizzato dall’amministrazione,ma palesemente sgradevole e denigratorio.
    Tuttavia e’ mio parere personale che l’azione del Conbs non abbia piu’ incisivita’ e che troppo spesso sia ambigua nel momento in cui dalle parole si passa ai fatti ,e cioe’ si tratta di passare ad azioni politiche concrete. Altrettanto ambiguo, ma sottolineo che il mio resta un parere del tutto personale,il rapporto che lo stesso conbs,od almeno alcuni dei suoi componenti hanno con varie associazioni tipo AIB ed altre organizzazioni settoriali . Cosi’ come la presenza di alcuni insegnanti indonei e pensionati in strane situazioni di gestioni di biblioteche scolastiche. di fatto toglievano posti di lavoro ed il problema di chi voglia mettere le mani sulle biblioteche scolastiche non e’ assolutamente irrilevante. cooperative che partecipano ad appalti,enti sovvenzionati dallo stato, o cos’altro?
    per quanto invece riguarda la collega inidonea temporaneamente non deve per sua fortuna avere alcuna preoccupazione allo stato attuale della situazione,in quanto la cosa riguarda soltanto gli “inidonei” permanenti. Temo tuttavia che anche sulla situazione di temporaneita’ possano in futuro nascere problemi in quanto dal punto di vista “tecnico” costituisce una sorta di anomalia.

    Mi piace

  4. Gian M. ha detto

    Questo declassamento da una professione da laureati a diplomati è OLTRAGGIOSO e AVVILENTE.
    Per ora no presenterò alcuna domanda per non darmi la “zappa sui piedi”. Questo decreto veramente ci fa fare un REALE SALTO NEL BUIO.
    In realtà dovremmo presentare una domanda chiedendo cosa? Almeno dateci una lista dei nuovi ruoli professionali da scegliere, in accordo con la nostra laurea.
    Almeno dateci un ruolo da LAUREATI in un’altra amministrazione dello Stato, con CORSI DI RIQUALIFICAZIONE PROFESSIONALE o, al limite, consentiteci di provare a rientrare

    Mi piace

  5. marilena ha detto

    sono stata dichiarata inidonea temporaneamente ma ho un dirigente che non vede l’ora di farmi fuori.dopo quasi trent’anni di insegnamento mi occupo della biblioteca scolastica,curo i rapporti con quella comunale e fornisco libri ai colleghi,e agli alunni.,ascolto la loro lettura ,quest’anno circa 100 ,assisto nel corso dei laboratori di informatica le classi,e aiuto gli alunni stranieri nella comprensione dei testi.non devo attivarmi per la domanda vero?comunque i libri sono stati sempre la mia passione.vorrei dire che trovo offensivo il passaggio di ruolo e il mancato riconoscimento del nostro lavoro.marilena

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 818 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: