Associazione Nazionale Orizzonte Docenti

NUOVA SEDE: Via Pisa 16 CATANIA Tel. 095/2275919 Cell. 329/9171025 Fax 095/5183029

  • CONSULENZA LEGALE

    UFFICIO LEGALE

    ASSOCIAZIONE NAZIONALE ORIZZONTE DOCENTI

  • MONDO SCUOLA

    MASTER E CORSI DI PERFEZIONAMENTO UNIVERSITARI
  • Il nuovo sito di Orizzonte Docenti

  • NEWS

  • Immetti la tua mail e sarai aggiornato sulle novità più importanti

  • Meta

  • Seguici su Facebbok

Per le gravi patologie, solo il certificato può non bastare

Posted by orizzontedocenti su 24 aprile 2010

Tra contratto e nuove norme, ecco come districarsi nel labirinto delle assenze per malattia

Le norme che disciplinano le assenze per motivi di salute del personale della scuola, sia quello con contratto a tempo indeterminato che a tempo determinato, sono contenute negli articoli 17, 19 e 20 del contratto 27 novembre 2007. Fatta eccezione per le disposizioni contenute nel comma 9 dell’art. 17 e nel comma 15 dell’articolo 19.

Si tratta di norme che, per la loro chiarezza, solo raramente hanno dato adito a controversie interpretative o a conflitti tra personale e dirigenza scolastica. Prevedono, tra l’altro, che il personale di ruolo che si assenza per malattia ha diritto alla conservazione del posto per un periodo di diciotto mesi, all’intera retribuzione per i primi nove mesi, al 90% per i successivi tre mesi e al 50% per gli ulteriori sei mesi; che il personale con contratto di durata annuale o fino al termine delle attività didattiche ha diritto alla conservazione del posto per un periodo non superiore a 9 mesi in un triennio scolastico con retribuzione per intero nel primo mese e al 50% nel secondo e terzo, alla sola conservazione del posto per il restante periodo. E che quello assunto con contratto a tempo determinato stipulato dal dirigente scolastico ha, invece, diritto alla conservazione del posto per un periodo non superiore a 30 giorni annuali con retribuzione al 50%.

I commi 9 e 15 citati in premessa disciplinano, invece, seppure sommariamente e senza alcuna distinzione di status del personale, le assenze per malattia derivante da gravi patologie che richiedano terapie temporaneamente e/ o parzialmente invalidanti. E sono oggetto di richieste continue di chiarimenti da aprte del personale. Ecco come districarsi.

In questo caso i periodi di assenza per sottoporsi a terapia, i giorni di ricovero ospedaliero o di day hospital e anche quelli dovuti alle conseguenze certificate delle terapie sono esclusi dal computo dei giorni di assenza per malattia di cui in premessa e vanno interamente retribuiti. L’ applicazione delle disposizioni contenute nel comma 9 non è apparsa, fin dal primo momento, semplice soprattutto perché da un lato viene lasciato nell’assoluto generico il richiamo alle «gravi patologie» e dall’altro non viene precisata la natura o la durata della terapia che può comportare uno stato parzialmente e/o temporaneamente invalidante. In assenza di una specifica elencazione malattie comprese nella dizione gravi patologie, da più parti viene utilizzato l’elenco di quelle considerate malattie croniche ad invalidanti ai sensi dell’art. 5, comma 1, lett. a) del D.lgs del ministero della sanità del 29 aprile 1998 n. 124. In ogni caso la gravità della patologia non può essere rimessa ad una valutazione discrezionale del dirigente scolastico ma deve essere preventivamente accertata e certificata dalla competente Azienda sanitaria direttamente o con certificazione rilasciata dai medici di famiglia che siano dell’Asl ovvero da specialisti che operano presso gli ambulatori del Servizio sanitario nazionale. È comunque opinione consolidata che la certificazione attestante la grave patologia non sia, tuttavia, sufficiente perché le assenze possano fruire delle agevolazioni previste dalla normativa vigente ma deve contenere la specifica terapie necessaria e indicare i giorni durante i quali il dipendente deve essere considerato parzialmente e/o temporaneamente non in grado di assumere servizio. L’ultima annotazione riguarda l’obbligo di reperibilità nelle fasce orarie. Il decreto del ministro per la pubblica amministrazione e l’innovazione, Renato Brunetta, datato 18 dicembre 2009, n. 206 dispone all’art. 2 che sono esclusi dall’obbligo di rispettare le fasce di reperibilità ( dalle 9 alle 13 e dalle 15 alle 18) i dipendenti per i quali l’assenza è etimologicamente riconducibile alle patologie gravi che richiedono terapie salvavita.

Note: ItaliaOggi Azienda Scuola 20/04/2010

About these ads

6 Risposte to “Per le gravi patologie, solo il certificato può non bastare”

  1. martina maria teresa said

    ciao soffro dal 1995 di depressione ….e vorrei sapere come fare x non avere le fasce orarie …!!! lavoro a arpal …ma nessuno sa dirmi come funzione l’assenza per malattiedovuta a gravi patologie…!!!!vorrei sapere a che rivolgermi x fare questa domanda .e ottenere l’agevolazione .ne ho proprio bisogno …rispettare le fasce orarie significa x me …che mi ammazzo prima del tempo ho bisogno di distrazioni purtroppo. grazie.

    Mi piace

  2. SONO LOREDANA SONO IN CONVALESCENZA DOPO UN INTERVENTO ALLA TIROIDE, TIRODECTOMIA ,VORREI SAPERE SE FA PARTE DI GRAVE PATOLOGIA,IOLAVORO IN UNA SCUOLA.

    Mi piace

  3. vito said

    ciao rita anchio sono affetto di spondilodiscite e sono in trattativa per risarcimento mia mail vitos17@hotmail.it

    Mi piace

  4. elena said

    salve,sono una precaria della scuola media,con contratto al 30 giugno del dirigente scolastico ma pagata dal ministero…sono stata assente dal 10gennaio al 30 gennaio per intervento alla tiroide (asportata per metà per un nodulo),e di nuovo assente dal 7febbraio ad oggi per ulteriore intervento alla tiroide perchè dalla biopsia si è scoperto che il nodulo era un carcinoma..ho dovuto sospendere la terapia sostitutiva (e per questo non ero in grado di tornare a scuola),fatto la scintigrafia e adesso in attesa di radioiodioterapia il 9 maggio…
    in segreteria mi hanno richiesto il certificato medico del mio medico curante con la dicitura “grave patologia” ed assicurato così lo stipendio al 100%, ma è vero????oggi al sindacato mi hanno detto che per i precari non vale la grave patologia e che comunque il certificato andava fatto dalla usl…qualcuno sa chiarirmi la mia situazione???
    grazie,elena

    Mi piace

  5. Rita said

    sono affetta da una spondilodiscite che mi impedisce di camminare dal forte dolore. porto dei busti ortopedici che mi impediscono di stare seduta.svolgo il servizio di assistente amministrativo per cui sono costretta a stare seduta davanti ad un pc. i medici specislisti scrivono che la mia è una grave patologia. però siccome i certificati non portano la terapia invalidante (come da tumore) la scuola mi ha creato un sacco di priblemi e sono in riduzione al 50% di stipendio devo affrontare tante spese per curarmi e sono separata con un figlio. ammalata e penalizzata. non credo che solo la terapia renda una persona in condizioni di non poter lavorare ma a volte anche solo la malattia ti impedisce di lavorare. vi prego a nome di chi è nelle mie stesse condizioni di rivedere la legge grazie.

    Mi piace

  6. Laura Lanzieri said

    Sono affetta da cardiopatia ischemica da aritmia che mi impedisce lo svolgimento dell’insegnamento perchè peggiorerebbe la condizione di salute. Non riesco a capire perchè per la certificazione medica della grave patologia debba essere vincolata alla terapia che rende la patologia invalidante e non alla patologia stessa. Mi sembra un’assurdità. Grazie

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
Iscriviti

Ricevi al tuo indirizzo email tutti i nuovi post del sito.

Unisciti agli altri 852 follower

%d blogger cliccano Mi Piace per questo: